lago di Braies
Trentino Alto Adige

Lago di Braies, natura e storia tra le Dolomiti

Piccolo lago alpino situato in Val di Braies, il Lago di Braies è senza dubbio uno dei luoghi da visitare in Trentino Alto Adige. 

Noto anche come la “Perla dei laghi dolomitici” e situato a 1.496 metri di altitudine, si trova all’interno del Parco Naturale Fanes Senes Braies ed è, di fatto, tra i luoghi naturali più fotografati e conosciuti d’Italia. Forse, complice anche la televisione: ha fatto da sfondo alle vicende di “Un passo dal cielo”, fiction Rai che ha avuto tra i protagonisti Terence Hill.  

Quest’anno anche io ho ceduto al suo fascino: durante il viaggio in Trentino Alto Adige ho programmato una gita sulle sue sponde. E la visita, in effetti, non ha deluso le aspettative!

Vi lascio allora qualche indicazione per organizzare al meglio la vostra visita al lago di Braies: dagli orari migliori alle informazioni per parcheggiare o per noleggiare la barchetta.

Visitare il lago di Braies all’alba 

Uno dei modi più piacevoli per visitare il Lago di Braies è arrivando all’alba, prima cioè che le sponde siano letteralmente prese d’assalto. Avrete così modo di godervi il lago in tutta tranquillità. Tra l’altro in periodo estivo arrivando verso le 7 di mattina avrete la possibilità di veder piano piano sorgere il sole e vi accorgerete di come il lago cambierà colore, la nebbia man mano si dissolverà e le Dolomiti appariranno sullo sfondo, specchiandosi nell’acqua. Non dimenticate una felpa: anche in estate le temperature possono essere piuttosto basse. 

visitare lago di Braies percorso alba

Parcheggiare al Lago di Braies 

Al lago di Braies ci sono tre parcheggi a pagamento.

Per preservare l’ecosistema del Lago di Braies, nei periodi di maggiore affluenza (luglio-agosto-inizio settembre) la Valle di Braies è raggiungibile dalle ore 9.30 alle 16.00 solo mediante mezzi pubblici, a piedi, in bici oppure, per chi arriva in auto, presentando la prenotazione del parcheggio o di un permesso di transito valido.

Dall’11 settembre 2021 il regolamento del traffico non è più in vigore e il lago di Braies può essere visitato in qualsiasi momento. La prenotazione dei parcheggi può essere fatta in anticipo oppure si paga direttamente in loco alle casse automatiche.

Qui trovate informazioni aggiornate sul parcheggio al Lago di Braies e la possibilità di prenotare il posteggio.

Camminare intorno al Lago di Braies

Per ammirare al meglio il Lago di Braies, organizzatevi per fare il circuito a piedi intorno al lago (pensato per il periodo estivo): il percorso è lungo circa 3,6 km e per compierlo si impiega un’ora e mezza circa. A metà percorso si trova una spiaggetta da cui godersi il panorama del lago, con le Dolomiti alle spalle. 

visitare lago di Braies alba

Da qui inoltre si può anche intraprendere il sentiero per raggiungere la Malga Foresta situata a 1.590 m (dislivello totale ca. 100 m), oppure continuare per un’escursione, più impegnativa, alla Croda del Becco.

La palafitta del Lago di Braies: affittare le barchette

Uno dei punti più caratteristici del Lago di Braies è la palafitta: qui si possono noleggiare barche a remi che fino a 100 anni fa erano l’unico modo per raggiungere la riva meridionale del lago. Le barche si possono noleggiare da metà maggio a fine ottobre. Mezz’ora in barca costa 19 euro, un’ora invece 29 euro.  

Hotel Lago di Braies 

Sul lago di trova l’Hotel Lago di Braies, costruito oltre 100 anni fa da Eduard Hellensteiner su incarico di sua madre, la famosa albergatrice tirolese Emma Hellensteiner (1817-1904), che, nota come “Signora Emma” si fece un nome quale pioniera del turismo tirolese.

In questo hotel nel 1945, durante la Seconda Guerra Mondiale, furono accolte circa 140 persone che erano state ostaggio delle SS. 

lago di Braies hotel

La chiesetta sul Lago di Braies

Sul lago si trova anche una piccola chiesetta, che appartiene all’hotel Lago di Braies. Dedicata alla Divina Madre Dolorosa, è stata costruita come cappella privata della famiglia Hellensteiner e venne consacrata nel 1904.

Giorgia. Giornalista, blogger, ambientalista. Testa rossa, sempre. Amo i viaggi, la fotografia e la tecnologia. Nel mio zaino ci sono Arturo e Gertrude, due gufi che si amano e che mi accompagnano ad esplorare il mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *